Analisi di autocontrollo

Il regolamento (CE) n. 852/2004 sull'igiene dei prodotti alimentari, adottato il 29 aprile 2004, fissa i requisiti generali in materia d'igiene che devono rispettare le imprese alimentari in ogni fase della catena alimentare.
Nel regolamento è indicato che spetta alle Imprese Alimentari, altrimenti dette OSA (Operatori del Settore Alimentare), attuare le prescrizioni previste al fine di garantire la sicurezza alimentare degli alimenti anche attraverso la predisposizione di adeguate procedure che osservino gli obblighi fissati.
Oltre alle disposizioni stabilite dal regolamento (CE) n. 852/2004, le imprese alimentari che trattano alimenti d'origine animale sono tenute ad applicare anche le prescrizioni pertinenti del regolamento (CE) n. 853/2004.

Le misure predisposte, attuate, verificate e documentate dall’OSA nel manuale di autocontrollo-piano HACCP, al fine di garantire la sicurezza e l’integrità degli alimenti, consistono in un insieme di attività che nel loro complesso vengono comunemente riconosciute come “il sistema di autocontrollo aziendale”.

Delle misure di autocontrollo che ogni azienda produttrice di alimenti deve mettere in atto, rientrano anche le attività di campionamento e di analisi.

I criteri microbiologici relativi ai prodotti alimentari che gli OSA devono rispettare nell’applicazione delle misure di igiene indicate nella normativa comunitaria di riferimento, vengono stabiliti nel Regolamento n. 2073/05 della Commissione e successive modifiche dove sono indicati anche i metodi di analisi di riferimento per alcuni parametri.

Se i Regg. CE n. 852/2004 e 853/2004 e le relative misure di applicazione non specificano i metodi di campionamento o di analisi, gli OSA possono utilizzare metodi appropriati contenuti in altre normative comunitarie o nazionali o metodi che consentano di ottenere risultati equivalenti a quelli ottenuti utilizzando il metodo di riferimento, purché detti metodi siano scientificamente validati in conformità a norme o protocolli internazionali.

Al fine di conformarsi a tali obblighi, gli OSA possono avvalersi del supporto di un laboratorio di analisi, sia nella fase della produzione precedente la commercializzazione dei prodotti, che in quella successiva di verifica e conferma dell’idoneità al consumo umano dei prodotti immessi sul mercato.

A tale proposito, l’art.40 della L. 7 luglio 2009, n. 88 (Legge Comunitaria 2008), ripreso e confermato anche dalla conferenza permanente tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano dell’ 8 luglio 2010 dispone che:
a) i laboratori non annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi nell’ambito delle procedure di autocontrollo per le imprese alimentari,
b) i laboratori annessi alle imprese alimentari che effettuano analisi ai fini dell’autocontrollo per conto di altre imprese alimentari facenti capo a soggetti giuridici diversi,

devono essere accreditati, secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025, per le singole prove o gruppi di prove, da un organismo di accreditamento riconosciuto e operante ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17011 e iscritti in appositi registri accessibili da parte delle imprese alimentari.

Pertanto, nella scelta del laboratorio cui appoggiarsi per le analisi sulle proprie produzioni, gli OSA devono tenere presente quanto sopra esposto, in quanto le prove analitiche non accreditate, eseguite in regime di autocontrollo, non sono considerate valide al fine dell’adempimento degli obblighi stabiliti dalla normativa attualmente in vigore.

Inoltre, secondo la normativa vigente, i laboratori che effettuano analisi ai fini dell’autocontrollo devono essere iscritti in appositi elenchi regionali.

La Fondazione Centro Ricerche Marine è stata accreditata da Accredia (sin dal 2003) per prove microbiologiche, biotossicologiche e chimiche ed è iscritta nell’elenco regionale dei laboratori autorizzati  (come da delibera di Giunta della Regione Emilia-Romagna n.236 del 05/03/2007) con numero 008/CE/003.

 

Clicca qui per visionare l'elenco delle prove in attività

Documenti per prelievo ed invio campioni

Comunicazione per modifiche ai Rapporti di Prova

Referenze

Vai al menù Vai alla ricerca nel sito Vai al contenuto Vai al footer